Addio agli ossidi di azoto

martedì 9 ottobre 2018

Siamo a Grovfjord, Norvegia settentrionale, nel circolo polare artico. Qui, come negli altri fiordi norvegesi, l'allevamento del salmone è il motore dell'economia locale. E, grazie ad Astrid Helene, questo motore ora usa meno gasolio.

Astrid è la nuova imbarcazione da lavoro utilizzata dall'azienda di allevamento ittico Northern Lights Salmon che, a differenza delle altre barche della zona, è silenziosa. Non ha motori diesel. È completamente elettrica.

In questo modo, Northern Lights Salmon risparmia ogni anno fino a 90 tonnellate di CO2 e 900 kg di ossidi di azoto (l'emissione media di un'imbarcazione da lavoro dell'allevamento ittico con motore diesel).

Il futuro è elettrico

Søren Balteskard, 54 anni, Presidente della Northern Lights Salmon, afferma: "Le imbarcazioni da lavoro elettriche sono perfette per la piscicoltura. L'assenza di rumore del motore non è un vantaggio solo per l'equipaggio, ma anche per il salmone. Riduce i livelli di stress nei pesci. E i vantaggi ambientali sono evidenti".

Gli svantaggi? Secondo Søren, non ce ne sono.

"Possiamo usare Astrid Helene per un'intera giornata di lavoro e avere ancora il 45% circa di energia elettrica quando torniamo a riva. Anche ricaricarla è facile. Basta collegarla alla rete di distribuzione durante la notte. E la mattina dopo, è completamente carica", dice Søren, ricordandoci che l'elettricità è generata dall'energia idroelettrica verde norvegese.

Grovfjord Mekaniske Verksted, che ha progettato e costruito Astrid Helene, è il principale produttore norvegese di imbarcazioni da lavoro in alluminio. Astrid Helene è la loro prima imbarcazione completamente elettrica.

Scivola silenziosamente sull'acqua fino a 10 nodi, 18,5 km/h. Tre tipi di componenti lo rendono possibile: un gruppo di quattro grandi batterie agli ioni di litio m3, due motori a propulsione elettrica e sette convertitori di frequenza.

La batteria e i motori a propulsione danno la potenza. Tra di essi sono alloggiati i sette convertitori di frequenza. Funzionano come i nervi che controllano la quantità di energia elettrica, o la potenza, estratta dalla batteria e immessa nei motori a propulsione elettrica.

Comportarsi come dei veri collaboratori

Anders Breines, Ingegnere Elettronico Capo presso la Grovfjord Mekaniske Verksted, afferma:

"I convertitori di frequenza della Danfoss funzionano molto bene. Ma ciò che distingue nettamente Danfoss dagli altri è che ci permettono di apportare modifiche al loro software, in modo da poter gestire l'uso e il funzionamento dei convertitore di frequenza nel nostro sistema. La maggior parte delle altre aziende blocca i propri software e ci fa pagare un supplemento nel caso di eventuali modifiche. I ragazzi della Danfoss ci mostrano come usare il loro software e come apportare modifiche. Si comportano come dei veri collaboratori."

L'elettrificazione è il futuro

I sistemi a motore elettrico sono in aumento, poiché il carburante fossile sta per esaurirsi. L'elettricità basata su risorse energetiche rinnovabili come l'energia solare, l'energia idroelettrica e l'energia eolica avranno un ruolo sempre più dominante e trasformeranno radicalmente settori come il raffreddamento, il riscaldamento e i trasporti.

In questa transizione, i convertitori di frequenza Danfoss hanno un ruolo chiave. Come? Controllano la velocità dei motori elettrici in applicazioni che vanno dalle linee di produzione in fabbrica, agli impianti di refrigerazione dei supermercati, alle navi mercantili. In questo caso, riducono il consumo di energia facendo in modo che i motori elettrici non funzionino mai oltre il necessario.

Leggi e scarica l'iPaper(in inglese)

Naviga in questa storia digitale su Astrid Helene