Regolatori ECL

  • Panoramica
  • Documenti
  • Software
  • Strumenti e app
  • Domande frequenti

I regolatori elettronici (ECL) sono regolatori di temperatura intelligenti per impianti di teleriscaldamento e di acqua calda sanitaria. Grazie alla compensazione climatica e alle chiavette applicazione, possono essere adattati a diversi impianti di teleriscaldamento, garantendo un elevato livello di comfort e uno sfruttamento ottimale dell'energia.

La gamma comprende regolatori elettronici molto semplici con funzionamento analogico tradizionale e regolatori elettronici avanzati con interfaccia completamente digitale.

Una caratteristica comune a tutti i regolatori è la facilità d'uso. I regolatori più avanzati della gamma ECL Comfort utilizzano la tecnologia intelligente delle chiavette USB, e le illustrazioni del display grafico dei regolatori agevolano una rapida panoramica del sistema.

Con il regolatore ECL o l'unità di controllo remoto ECA, navigazione ed interazioni avvengono tramite una manopola sul quadro frontale. Tutti i menu e le letture dei dati del sistema sono visualizzati sul display grafico nella lingua prescelta, mentre la struttura logica dei menu rende il funzionamento semplice e intuitivo.

Non ci sono luci lampeggianti o pulsanti e interruttori, ma le possibilità sono illimitate. Ciò garantisce una corretta messa in servizio e un facile utilizzo quotidiano, assicurando di conseguenza massimo comfort ed affidabilità.

Caratteristiche e vantaggi

I regolatori elettronici per il riscaldamento consentono di ridurre i tempi di installazione e messa in servizio, la manutenzione non pianificata e il consumo energetico, con una curva di apprendimento degli operatori più breve

Facile installazione e messa in servizio con una gamma di Chiavette applicazione ECL

Risparmio minimo dell'11 - 15% sul consumo energetico dell'edificio e riduzione delle emissioni di CO2.

Documenti

Documenti
Tipo Nome Lingua Valido per Aggiornato Scarica Tipo di file
Brochure Danfoss ECL Comfort controller – high performance for district heating Inglese Multiplo 08 lug, 2015 2.3 MB .pdf

Software

Strumenti e app

Strumenti software

Domande frequenti

Il controllo a due punti, detto anche controllo ON-OFF, viene utilizzato da un regolatore elettronico o da un termostato elettrico per accendere o spegnere ad esempio una caldaia a gas, un bruciatore a gasolio, una pompa di calore, una pompa di circolazione, un ventilatore e così via.

Il sensore di temperatura esterna è collegato al Master. Il guasto più comune è un'impostazione dimenticata nel menu degli indirizzi dello Slave. Non deve essere l'indirizzo 15. Può essere 0, 1, 2 . . . 9. Oltre al valore della temperatura esterna, lo Slave riceve informazioni su Ora e Data dal Master.

Semplicemente, la resistenza del cavo tra il sensore di temperatura e il regolatore ECL ha un'influenza minore sulla temperatura misurata.
La lunghezza massima del tipo di cavo in rame, in diverse dimensioni, per la lettura della temperatura superiore di un grado è:
44 m a 0,4 mm².
55 m a 0,5 mm²
83 m a 0,75 mm²
110 m a 1,0 mm²
165 m a 1,5 mm²
275 m a 2,5 mm²

Pt" significa Platino, ovvero un metallo.
"1000" indica 1000 ohm a 0 (zero) °C.
L'unità "ohm" esprime la resistenza elettrica. Il platino possiede una caratteristica di temperatura positiva (PTC). Ciò significa che la resistenza iniziale del metallo aumenta quando la sua temperatura aumenta, mentre la resistenza aumenta di 3,85 ohm per grado (su scala Celsius). La caratteristica è molto lineare nell'intervallo di temperatura da -60 a 200°C. Esempio: Misurare una resistenza di 1.077 ohm significa una temperatura di 20°C.

Una differenza di temperatura in gradi sulla scala Celsius.
Esempio: Alle 10 la temperatura esterna era di 14 °C, alle 13 la temperatura esterna era di 19 °C. La temperatura esterna è aumentata di 5 K.

Dal lato della fornitura di acqua fredda c'è una portata costante. La valvola a 3 vie modula la portata in parte attraverso lo scambiatore di calore e in parte attraverso la porta B della valvola.
Questi due flussi sono diversi a seconda della richiesta di raffrescamento.

Sì, disponiamo di un'opzione che combina l'unità remota, ECA 31, in un'applicazione con ECL 210 o ECL 310. Nel display preferito dell'ECA, l'ECA 31 indicherà l'umidità relativa.

L'ECA 32 è collocata nella base dell'ECL 310. Comunicazione con l'ECL 310: Una disposizione a 2 x 5 pin maschio sul retro del regolatore ECL 310 si collega alla relativa disposizione a 2 x 5 pin femmina sull'ECA 32 quando l'ECL 310 è posizionato nella sua base.

I sensori di temperatura, gli ingressi a impulsi e le uscite analogiche sono collegati tramite i morsetti 49 - 62. Le quattro uscite a relè si trovano nei morsetti 39 - 46.

L'ECA 32 viene utilizzata solo congiuntamente all'ECL 310 e alle applicazioni che hanno funzioni correlate all'ECA 32.

Inoltre, l'ECA 32 può essere utilizzata come modulo di monitoraggio:
6 ingressi per sensori di temperatura (Pt 1000) ECL 310. Nel display preferito dell'ECA, l'ECA 31 indicherà l'umidità relativa.

Un sistema Master-Slave è costituito da regolatori ECL in connessione interna tramite il bus ECL 485.

Il Master (indirizzo 15) invia T.est., ora e data agli Slave. Il Master può ricevere informazioni su T.portata dagli Slave indirizzati.
Gli Slave con indirizzo 0, 1 - 9 sono ascoltatori (ricevono informazioni su T.est., ora e data, inviate dal Master).
Gli Slave con indirizzo 1 - 9 (un indirizzo per ogni Slave) possono inviare informazioni su T.portata al Master.

Massimo 2. Questa limitazione è dovuta al fabbisogno energetico di ciascuna ECA 30.

Un sistema Master-Slave con regolatori ECL Comfort 110 in connessione interna tramite il bus ECL.

Il Master dispone di un sensore di temperatura esterna collegato. Tramite il bus ECL viene inviato il segnale T.est. agli Slave e all'ECA 60 / 61.

Esempio:
Più ECL 110 in un'abitazione plurifamiliare possono avere un sensore T.est. in comune.

L'ECL 110 non può essere collegato alla rete bus ECL 485 con ECL 210 o ECL 310.

Nella regolazione del circuito di riscaldamento nell'ECL 210 / 310, i parametri 1x182 e 1x183 sono impostati su 0,0.
La T.amb. viene ancora visualizzata.

Dopo 20 minuti o a seguito di un nuovo collegamento all'alimentazione, tutte le impostazioni sono bloccate. Tutte le impostazioni sono ancora visibili.

Un ascoltatore è un controller Slave con indirizzo 0 in un sistema Master-Slave. Un ascoltatore riceve T.esterna, ora e data dal Master. Un ascoltatore non può essere utilizzato con una ECA 30/31.

ECA 30/31 non può comunicare con l'indirizzo 0!

In totale 20.
Quando l'ascoltatore deve solo ricevere il segnale T.est,, l'indirizzo deve essere impostato su "0".

Quando l'ascoltatore deve ricevere il segnale T.est. e reindirizzare al Master informazioni su T.portata, l'indirizzo deve essere impostato su 1, 2 . . . . . o 9.

No!
L'ECL 110 ha un bus chiamato bus ECL.
L'ECL 210 e l'ECL 310 hanno un altro bus chiamato bus ECL 485. Questi bus sono completamente diversi.

Quando si carica un'applicazione nel regolatore ECL 210 / 310, la comunicazione tra l'ECA 30 e l'ECL è lenta.
Quando l'applicazione è stata caricata nel regolatore ECL, l'ECA 30 verrà aggiornata e avrà una reazione molto più rapida.

Procedura per l'impostazione dei regolatori ECL Comfort (tipi B) con una ECA 30.

Esempio:
3 regolatori, ECL 210 B (senza display e quadrante)
Un Master: Applicazione A266
Due Slave: Applicazione A260, indirizzi 1 e 2.
Una ECA 30.

Richieste:
- Il Master deve inviare T.est. agli Slave
- L'ECA 30 deve essere utilizzata per l'impostazione di tutti i 3 regolatori ECL 210 B.
- L'ECA 30 deve essere utilizzata per il monitoraggio

Si presume che tutti i collegamenti per i sensori, bus ECL 485, attuatori e pompe siano stati eseguiti.
Il sensore di temperatura esterna deve essere collegato alla base del regolatore Master.

Procedura:
1. Non collocare alcun regolatore ECL in nessuna base.
2. Collegare l'ECA 30 al bus ECL485 (tipo di cavo: 2 x doppino intrecciato).

Assicurarsi che le connessioni bus ECL485 condividano il terminale comune (30) e +12 V (31) per tutte le basi con le connessioni A e B dell'ECL485.

3. Inserire nella sua base il regolatore ECL, il quale deve essere indirizzato con il numero di Slave più basso, ad esempio "1".

4. Accendere le unità. Si presume che l'ECL e l'ECA 30 siano nuovi di fabbrica.

4.a. Se il regolatore non è nuovo di fabbrica, procedere come segue:
Nell'ECA 30:
> ECA MENU, > ECA factory > Reset indirizzo ECL > "Sì".
Dopo 10 secondi l'ECA ritorna al menu "ECA factory". L'indirizzo dell'ECL è stato impostato su 15. (Vedere le informazioni supplementari "Reimposta indirizzo ECL" alla fine del presente documento).

4.b. Se ECA 30 non è nuova di fabbrica, procedere come segue:
> ECA MENU, > ECA factory > ECA default, > Restore factory, > (Choose factory), > "Sì".
Ciò garantirà che l'ECA disponga dell'indirizzo A e sia collegata all'indirizzo 15, necessario per installare un'applicazione nel regolatore ECL.

5. Inserire la Chiavetta applicazione A260 nel regolatore ECL (lo Slave)

6. Selezionare la lingua

(il tempo di reazione durante le fasi 5 - 11 sembra lento. Questo perché il regolatore ECL e l'ECA 30 non sono completamente sincronizzati).

7. Selezionare l'applicazione (non possibile per A260 poiché esiste un solo sottotipo).

8. Impostare data e ora

9. Selezionare "Avanti"

10. Il display mostra brevemente "Applicazione A260.1 installata".
- l'applicazione viene caricata.
- il display della CCE 30 non è illuminato per 10 secondi.

11. Il display mostra un menu relativo all'applicazione.

12. Dopo 10 - 30 secondi viene visualizzato il menu "Copia applicazione" (la CCE 30 deve conoscere l'applicazione ECL).

- Selezionare "Sì"
(la procedura "Copia" richiede alcuni minuti)

13. (Assegnare allo Slave un numero di indirizzo)
a. Selezionare un menu ECL
b. Selezionare MENU
c. Selezionare "Impostazioni comuni regolatore"
d. Selezionare "Sistema"
e. Selezionare "Comunicazione"
f. Selezionare "Indirizzo ECL 485"
g. Selezionare "Indirizzo ECL 485"
- ID = 2048, il valore impostato in fabbrica è "15"
h. Cambiare l'indirizzo con il numero di indirizzo pianificato per questo Slave
i. Dopo 5 secondi, il numero di indirizzo selezionato passa a "0"
j. Dopo altri 5 secondi, il display ritorna a "MENU ECA".
- Inoltre, è presente un'icona di regolatore con una croce.
Ciò significa che non vi è comunicazione tra il regolatore ECL e l'ECA 30. Il Master non è presente sul bus ECL 485.

14. (Prossima impostazione ECL)
Inserire nella sua base il regolatore ECL, il quale deve essere indirizzato con il successivo numero di Slave, ad esempio "2".

15. (Impostare l'ECA per comunicare sull'indirizzo 15)
a. Selezionare MENU ECA
b. Selezionare "Sistema ECA"
c. Selezionare "Comunicazione ECA"
d. Selezionare "Ind. connessione"
e. Cambiare a "15"
L'animazione "inserimento chiavetta" dal regolatore ECL sarà ora mostrata sull'ECA 30.

16. (caricamento dell'applicazione)
Seguire i punti 6 - 13
Se gli Slave 1 e 2 hanno la stessa applicazione (stessa versione e lingua), non è necessario copiare nuovamente l'applicazione (punto 11).

17. (Prossima impostazione ECL)
Inserire nella sua base il regolatore ECL, il quale deve essere il Master (numero indirizzo 15).

18. Seguire i punti 15.a - 15.e

19. Seguire i punti 6 - 12.

20. I regolatore Master ha l'indirizzo 15 di fabbrica, pertanto non è necessario indirizzarlo.

21. L'intero sistema di comunicazione è stato completato.

22. (comunicare con il Master o con gli Slave)
a. Selezionare MENU ECA
b. Selezionare "Sistema ECA"
c. Selezionare "Comunicazione ECA"
d. Selezionare "Ind. connessione a "15" (= Master), "1" (= Slave n. 1), "2" (= Slave n. 2).

Commenti:
La comunicazione con gli Slave è possibile solo se nel sistema è presente un Master (Ind. 15).
Le versioni più recenti di ECA 30 / 31 offrono la possibilità di selezionare il numero di Slave direttamente dal display.

Reimpostare l'indirizzo ECL:
"Reset indirizzo ECL" è una funzione speciale di emergenza in grado di resettare l'indirizzo ECL 485 di tutti i regolatori collegati alla rete ECL 485 su "15" (indirizzo Master). Questa funzione è stata realizzata perché è possibile modificare l'indirizzo del Master lasciando la rete senza Master, interrompendo quindi il funzionamento del bus ECL485. Ciò è fondamentale se il regolatore Master è un regolatore cieco che, per poter essere utilizzato, ha bisogno di comunicare con un ECA 30/31.
Per garantire che la funzione non venga utilizzata a meno che non sia necessario, si fa in modo che il menu "Reset indirizzo ECL" possa essere attivato solo se:

* La modalità Dead Connection è attivata (una sola barra nel menù di navigazione nell'angolo in basso a destra del display dell'ECA 30 / 31).

* Per almeno 25 secondi non è stato ricevuto alcun segnale di trasmissione di sincronizzazione Master.

Una volta attivato il menu reset, l'ECA 30 / 31 invierà per 10 secondi delle trasmissioni pseudo Master per far uscire i controllori ECL da una fase di inizializzazione. L'ECA 30 / 31 inizierà quindi ad inviare i comandi di cambio indirizzo agli indirizzi ECL 485 1-14 (poiché in alcune versioni iniziali di ECL era possibile impostare l'indirizzo a 10-14). Ciò richiede all'incirca 15 secondi. Poiché tutti i regolatori ECL sulla rete ECL 485 acquisiranno il cambio di indirizzo ECL 485 a 15, è preferibile che tutti gli altri regolatori, ad eccezione del controllore Master previsto, siano spenti (o rimossi dalla sua basetta) prima che questa funzione sia attivata. L'intera operazione richiederà all'incirca 25 secondi. Se più regolatori dispongono dell'indirizzo 15, c'è il rischio che entrino in conflitto tra loro. È pertanto necessario controllare manualmente e resettare gli indirizzi ECL 485 dei regolatori Slave dopo aver utilizzato questa funzione.

No!
L'ECA 30 / 31 è stata concepita per essere abbinata alla serie ECL 210 / 310.

La Chiavetta applicazione A368 era stata inizialmente realizzata con A368.1, A368.2, A368.3 e A368.4.

A gennaio 2014 la Chiavetta applicazione A368 conteneva due sottotipi extra, A368.5 e A368.6.

Principali voci di A368.5:
F1 è un flussometro per misurare il volume dell'acqua di ricarica. Gli impulsi del flussometro vengono applicati all'ingresso degli impulsi del modulo ECA 32.

S11 è il monitoraggio della temperatura del riscaldamento, ritorno secondario.

S13 è il monitoraggio della temperatura della circolazione di acqua calda sanitaria (ACS), ritorno.

Principali voci di A368.6

S2 è il monitoraggio della temperatura del riscaldamento, ritorno secondario.

S8 è il monitoraggio della temperatura della circolazione di ACS, ritorno.

Una pompa circolazione ACS (P1).

La Guida al montaggio è stata aggiornata.

La Guida all'installazione in inglese è stata aggiornata.

A247 era stata inizialmente realizzata con A247.1, A247.2, A347.1 e A347.2.
A partire da gennaio 2014 la Chiavetta applicazione A247 conteneva un sottotipo extra, A247.3.

Principali differenze rispetto ad A247.1:
Nessun allarme
S7 è la temperatura di carica di ACS. Sensore
S4 è la temperatura di riscaldamento di ACS. Sensore
P2 è la pompa di circolazione del circuito primario ACS
P4 è la pompa di carica di ACS

La Guida al montaggio è stata aggiornata.
La Guida all'installazione non è stata ancora aggiornata.

Purtroppo, abbiamo riscontrato che in alcune basi ECL 210 la posizione della morsettiera destra è cambiata in direzione ascendente. Ciò significa che i sensori di temperatura non sono visualizzati correttamente dall'ECL 210.
La posizione corretta è con due morsetti sopra e sotto la morsettiera.
Dall'inizio del 2012, la linea di produzione ha testato la corretta posizione della morsettiera.

Poiché l'ECA 60 è fuori produzione e l'ECA 61 è destinata solo alla manutenzione, per ora (agosto 2014) non disponiamo di un'offerta diversa dal sensore ambiente ESM-10.