Ripensare il settore idrico

L'energia ha bisogno di acqua e l'acqua ha bisogno di energia

L'energia ha bisogno di acqua e l'acqua ha bisogno di energia

La reciproca dipendenza dell'energia e dell'acqua e la crescente domanda globale per ciascuna di esse ha un enorme impatto sulla crescita economica, sulla sostenibilità ambientale e sul nostro futuro in generale.

La digitalizzazione e le tecnologie esistenti per creare un settore idrico a emissioni zero dal punto di vista energetico sono già disponibili. Un sistema di distribuzione dell'acqua più efficiente dal punto di vista energetico aiuta automaticamente a ridurre le perdite d'acqua. Si consuma meno energia. Si spreca meno acqua.

Risolvere le future sfide energetiche del settore idrico, oggi

Separazione del settore idrico dal consumo energetico

Il report dell'Agenzia internazionale dell'energia (World Energy Outlook) indaga sul rapporto tra acqua ed energia, evidenziando non solo le sfide che stiamo affrontando ma anche il potenziale per raggiungere un settore idrico a emissioni zero dal punto di vista energetico.

Le tecnologie esistenti per ridurre il consumo di energia in tutte le fasi del ciclo dell'acqua, dalla produzione e distribuzione al pompaggio e al trattamento delle acque reflue, esistono già. La Danimarca dovrebbe raggiungere tale obiettivo nel giro di pochi anni. Non solo il ciclo dell'acqua può essere reso più efficiente, ma ha anche il potenziale per generare energia. E nel contesto dell'ottimizzazione del consumo di energia nel sistema di distribuzione dell'acqua, saranno automaticamente ridotte le perdite d'acqua.

Un approccio che cambia i giochi

Una soluzione vantaggiosa per tutti

Oltre ad affrontare il problema della scarsità dell'acqua riducendone le perdite, un settore idrico a emissioni zero dal punto di vista energetico contribuisce anche a ridurre le emissioni di CO2 e porta ad un notevole risparmio di OPEX e CAPEX per le aziende di servizi pubblici.

Leggi di più sulle applicazioni e le soluzioni per l'acqua e le acque reflue

Come può l'Europa rendere il suo settore idrico a emissioni zero dal punto di vista energetico?

La nuova Direttiva UE sull'acqua potabile potrebbe essere lo strumento per ridurre le perdite d'acqua, ridurre il consumo di energia e garantire una migliore qualità dell'acqua.

È giunto il momento di accelerare gli investimenti in una gestione più sostenibile dell'acqua potabile per ridurre significativamente le perdite d'acqua e il consumo di energia.

Misure chiave per renderlo possibile:

  • Aumentare la consapevolezza delle prestazioni energetiche e dei tassi di perdita lungo l'intera supply chain idrica, dall'estrazione dell'acqua grezza alla fornitura al rubinetto.
  • Introdurre un nuovo sistema di etichettatura per il rendimento energetico dei fornitori di acqua.
  • Nuovi modelli di business come i contratti di rendimento energetico (società di servizi energetici (ESCO)/finanziamento da parte di terzi) sono pronti per gli investimenti. La Direttiva UE sull'acqua potabile deve superare le carenze del mercato (ad esempio, mancanza di consapevolezza e trasparenza).
  • La direttiva dovrebbe garantire che le informazioni sulle perdite di acqua e sul consumo di energia, compresi i costi, siano trasmesse regolarmente ai consumatori senza doverne fare richiesta.
  • Tali informazioni dovrebbero essere fornite al maggior numero di persone che utilizzano l'acqua.
  • Gli Stati membri devono valutare il rischio di infiltrazione di sostanze pericolose o microbi attraverso le tubazioni che presentano perdite.
  • L'adozione di un obiettivo nazionale di un tasso di perdita del 10% accelererà gli investimenti.
  • I dati nazionali sull'uso dell'energia e sulle perdite dei fornitori di acqua devono essere raccolti regolarmente.
  • Gli Stati membri e la Commissione devono seguire i progressi e confrontare lo stato del rendimento energetico e i tassi di perdita nel settore idrico.
  • Queste informazioni dovrebbero essere pubblicate in panoramiche di facile utilizzo.
  • La Direttiva è importante per garantire un approvvigionamento coerente, poiché l'acqua potabile e le acque reflue sono indissolubilmente legate tra loro. Questo collegamento al pensiero economico circolare dovrebbe essere sottolineato in modo particolare. 

Approfondimenti correlati

Città che raggiungono ambiziosi obiettivi di sostenibilità
Ottieni una rapida panoramica sul potenziale di un sistema idrico a emissioni zero dal punto di vista energetico (in inglese)
Progettare l'Evento dell'Unione energetica (in inglese)